Zuccari Olio Essenziale Limone 10 ml

di Zuccari


New
Zuccari Olio Essenziale Limone 10 ml

Prezzo unitario € 11,50

Disponibili 58 pz

consegna stimata: da Mercoledě 19 Febbraio a Venerdě 21 Febbraio




Nome volgare: Limone
Nome botanico: Citrus limonum
Famiglia: Rutaceae
Sinonimi e nomi stranieri: C. limon, C. medica var. limonum. Citroneneoel, lemon oil, essence de citron.
Costituenti principali: Alfa e beta-pinene (oltre il 55 %), mircene, limonene, sabinene, germacrene, cariofillene, gamma-terpinene.
Predominanza: Tutto, nel limone, farebbe pensare alla sua mascolinità, ma alcuni suoi aspetti astringenti, freschi, delicatamente stimolanti, protettivi nei confronti di agenti esterni trasmettono chiaramente la sua predominanza femminile, yin.
Nota: Malgrado la freschezza del suo aroma e la sua scarsa permanenza farebbero orientare per una nota di testa, il limone esprimendo parte della sua mascolinità in una sensazione vagamente calda e avvolgente, si colloca su una nota intermedia di cuore.


Pianeta governatore: I suoi effetti di stimolo e purificazione del metabolismo ma soprattutto la decisa azione di stimolo dell’intelligenza e comunicazione fanno comprendere meglio la predominanza di mercurio rispetto al sole che a prima vista sembrerebbe il primo pretendente al controllo di questa pianta.
Chakra di riferimento: La porta di ingresso di questa performante essenza è simile al suo colore giallo, il 3° chakra. Tramite il plesso solare, “cuore nervoso” del nostro corpo, la riequilibrante azione del limone si estende a tutto l’organismo.
Aspetto fisico: Il limone è un albero sempreverde che può raggiungere l’altezza di 6 metri. Possiede foglie ovali dentellate, di colore verde e fiori molto profumati. Il frutto del limone è più piccolo del frutto del cedro. Le dimensioni vanno dai 5 ai 10 cm in lunghezza, di forma ovoidale, sormontato da un mammellone conico all’estremità superiore. Ha superficie rugosa, brillante, punteggiata per la presenza di numerose ghiandole dell’epicarpio. Si effettuano due raccolti all’anno, uno viene fatto in inverno ed uno in estate. Il colore dei frutti varia a seconda del periodo, dal giallo al verde. I frutti migliori sono destinati al mercato ortofrutticolo, gli altri per l’estrazione del succo e dell’essenza.
Provenienza: La pianta del limone è originaria dell’Oriente. Alcuni studiosi ritengono che la sua probabile provenienza sia la Cina meridionale, mentre altri ritengono che provenga dall’India. Venne introdotto dapprima nell’Africa settentrionale e quindi in Italia e nel resto d’Europa, dai Crociati. Oggi cresce spontaneo nel bacino mediterraneo ed è coltivato soprattutto in Italia, nella regione della Sicilia, Israele, Cipro, ma anche negli Stati Uniti. Ne esistono numerose varietà, circa 50, che si sono sviluppate nel tempo.
Parti impiegate: La corteccia del frutto chiamata pericarpio.
Metodi estrattivi: L’olio essenziale di limone si estrae per spremitura a freddo della buccia esterna del frutto maturo. Essa viene largamente privata dello strato bianco e spugnoso, chiamato albedo. Esistono in commercio anche essenze estratte per distillazione, ma vengono impiegate per uso alimentare, hanno una resa maggiore ma una minore qualità. La resa si aggira tra lo 0,3 e lo 0,5%.
Caratteristiche: Liquido mobile, limpido, di colore da giallo chiaro a giallo verdognolo che può intorbidire per raffreddamento. Possiede odore caratteristico, fresco e leggero, che ricorda il frutto.
Conservazione: Se ne consiglia la conservazione in bottiglie ben chiuse di vetro scuro, possibilmente giallo, da tenere in luogo fresco, al riparo dalla luce.
Capacità di stimolo emozionale: La pianta del limone, influenzata anche dal sole, ci regala un olio essenziale ricco di stimoli energetici. Diffuso nell’ambiente crea un’atmosfera frizzante, stimola la calma nei soggetti nervosi e stressati, regala energia nei soggetti stanchi ed apatici. Il limone, sia come frutto che come olio essenziale, agisce sulla nostra mente, stimolandone la tonicità e la forza vitale. Favorisce intuizioni, concentrazione e memoria grazie ad una azione di armonizzazione della nostra componente razionale e della riduzione di quella emozionale.
Altri usi: L’essenza di limone viene largamente impiegata per aromatizzare molti prodotti alimentari, soprattutto le bevande analcoliche, gasate e non, in pasticceria e nella produzione di caramelle. In campo farmaceutico è impiegato nelle pastiglie per la gola e come aromatizzante di vari sciroppi. E’ molto usato come componente di miscele fresche per profumeria come le eau de toilette, in saponi ed in detergenti.
Precauzioni e controindicazioni all’uso: Atossico, non irrita. Può però causare sensibilizzazione sulla pelle in soggetti sensibili se esposti al sole diretto.
Annotazioni storico-culturale: Esistono due versioni discordi, riguardo l’arrivo del limone, in Sicilia. Alcuni studiosi ritengono, sia stato portato dagli Arabi nel XII secolo, mentre secondo altri furono i Crociati. Da sempre il frutto del limone è conosciuto per le sue virtù rimineralizzanti, vitaminiche, disintossicanti e antibatteriche. Basti pensare all’abitudine di nutrirsi di spremute di agrumi, fra i quali il limone, in caso di influenza per rinforzare il sistema immunitario e ripristinare il fabbisogno di vitamine A,B e C . Sulle navi inglesi serviva per curare l’equipaggio dalla scorbuto. Nei paesi caldi veniva utilizzato per curare il tifo e la malaria. Il suo succo, ricco di olio essenziale, è utilizzato spremuto sui frutti di mare freschi, alimento ad lato rischio batteriologico come l’acqua e la verdura. Questa abitudine alimentare nasce dal fatto che, entro pochi minuti, il potere battericida sviluppato dal succo è in grado di inattivare più del novanta per cento dei batteri eventualmente presenti. Questo potere dipende sia dalla presenza dell’acido citrico, che dalla presenza dell’olio essenziale. In Inghilterra, dove l’aromoterapia è praticata anche negli ospedali, l’olio essenziale di limone si diffonde per disinfettare le corsie e le sale d’attesa, viene inoltre impiegato al capezzale dei malati terminali, per neutralizzare gli umori negativi emanati dai corpi malati e per sollevare l’umore dei soggetti impauriti e depressi. In Italia, l’olio essenziale è la base di molti preparati disinfettanti come il “Citrosil”. Pare che una ricerca giapponese sia riuscita a provare che diffondendo copiosamente questo aroma in un ambiente di lavoro si riducono gli errori di battitura a macchina del 54%.
Armonizzazioni con altri oli essenziali: Cedro U.S.A., eucalipto globolus, finocchio dolce, ginepro (bacche), lavanda vera 40/42, pino mugo siberiano, pino silvestre.